Viaggio di Gruppo di 5 Giorni a Mangystau

Viaggio di Gruppo di 5 Giorni a Mangystau

Inizia un magnifico viaggio in jeep attraverso le meraviglie di Mangystau, dove i paesaggi sembrano appartenere a un altro pianeta. Preparati a rimanere stupito da vasti canyon, drammatiche scogliere e montagne e rocce dalla forma unica.

Torysh, Kokkala, Sherkala, Airakty, Karaman-Ata, Ybykty, Tuzbair, Kyzylkup, Beket-Ata, Bozzhira

5 Giorni | Primavera, estate, autunno | US$ 785

Storia di Mangystau

Storia di Mangystau L'arte rupestre ad Aktau

La storia di Mangystau risale a milioni di anni fa, un'epoca in cui i continenti si spostavano, le montagne si immergevano e vasti mari si formavano ed evaporavano. Le meraviglie naturali della regione raccontano storie dell'antico Oceano Tetide, che si estendeva sulla Terra per un miliardo di anni. Oggi, se guardi da vicino gli strati fondamentali delle enormi formazioni calcaree di Bozzhyra e Airakty, troverai misteriosi schemi e disegni che un tempo erano vita marina dell'Oceano Tetide. Resti di conchiglie, alcuni situati a oltre 200 chilometri dal Mar Caspio, e fossili come denti di squali preistorici e ossa di ittiosauri, tutti risalgono all'era mesozoica.

Storia di Mangystau Fossile nella palude salina di Tuzbair

Dopo il ritiro dell'oceano, i dinosauri vagavano, per poi lasciare spazio all'era dei mammiferi. Nella depressione di Zhygylgan a Mangystau, puoi trovare antiche impronte di mammiferi predatori e vari uccelli, tutti riferibili all'epoca del Miocene.

Storia di Mangystau Impronta di un antico predatore in Zhygylgan

Tracce umane antiche trovate vicino alla costa del Mar Caspio suggeriscono un'abitazione continua dal Paleolitico al Neolitico, indicando una presenza umana qui circa 12.000 anni fa. Siti notevoli includono l'area vicino a Shakpak-ata e l'insediamento dell'Isola di Kulaly.

Parti della famosa Via della Seta passavano attraverso Mangystau, come dimostrato dalle rovine di caravanserragli, fortezze e moschee. Tuttavia, il suo clima desertico rigido significava che non tutte le spedizioni osavano attraversare le vaste distese dell'Altopiano di Ustyurt. La prima menzione storica della regione è del IX secolo dal geografo arabo Al-Istakhri, che si riferiva alla terra come Siyah-Kuh ("Montagna Nera"). Tuttavia, dopo l'invasione di Gengis Khan, questa rotta fu abbandonata, causando il declino di Mangistau dai registri storici.

Solo nel XVIII secolo, nel mezzo delle conquiste russe dell'Asia Centrale, Mangystau riemerse come punto cruciale. Divenne una roccaforte per le spedizioni militari russe dirette a sud. Una serie di cambi di nome per le principali fortezze dell'area culminò in Forte Shevchenko, in onore del rinomato scrittore e poeta ucraino Taras Shevchenko.

Storia di Mangystau Monumento a Taras Shevchenko ad Aktau

Dal 1850 al 1857, Shevchenko fu esiliato a Mangystau per i suoi scritti progressisti che sfidavano il dominio dell'imperatore russo. Nonostante un severo divieto sulle attività creative, Shevchenko trascorse quei sette anni dipingendo e documentando Mangystau, condividendone i misteri con il mondo. Oggi, un tributo al poeta ucraino si erge fieramente ad Aktau, la capitale di Mangystau.

Storia di Mangystau Famiglia kazaka, disegno di Taras Shevchenko

Il XX secolo ha inaugurato un nuovo capitolo per Mangystau quando furono scoperte vaste riserve di uranio, petrolio e gas. Seguì una rapida industrializzazione, con la regione che vanta alcuni dei salari più alti del Kazakistan. Aktau è ora celebrata come la capitale petrolifera del Kazakistan.